Pavimentazioni Aeroportuali

SOPRALLUOGO GRATUITO Ti ricontatteremo entro 48 ore

SOIL STABILIZATION™

SOLUZIONE INNOVATIVA PER MANUTENZIONI RAPIDE DI PAVIMENTAZIONI AEROPORTUALI.

SOIL STABILIZATION™ è la soluzione GEOSEC® mini invasiva, che consente di riqualificare in modo rapido ed efficace le fondazioni e relativi sottofondi di pavimentazioni aeroportuali rigide, semirigide e flessibili, destinati ad aree taxiway e vie di rullaggio degli aeromobili.

Il metodo consente di intervenire agevolmente sia per eliminare i dissesti, dovuti ai cedimenti differenziali da scarsa portanza o usura, che per l’eventuale sollevamento delle strutture rigide cedute, con ripristino della planarità originaria. SOIL STABILIZATION™ è l’applicazione ideale per veloci e mirati piani di manutenzione e per migliorare la portanza delle pavimentazioni aeroportuali. Inoltre, è caratterizzata da una vantaggiosa versatilità cantieristica che consente di intervenire rapidamente senza scavi, demolizioni ed allestimento di cantieri tradizionali.

Modalità d’intervento per il Consolidamento delle Pavimentazioni Aeroportuali.

Il procedimento, nella sua modalità base, è sempre eseguito direttamente dal personale GEOSEC®, specializzato ed opportunamente formato per operare in aeree aeroportuali, e prevede l’iniezione di resina espandente nella struttura di fondazione ceduta e nel sottofondo da rinforzare. Durante l’intervento è assicurato il controllo strumentale del sollevamento della struttura, mediante misuratori laser che prevengono movimenti impropri e ripristinano, laddove richiesto, la planarità originaria delle pavimentazioni aeroportuali.
Le iniezioni saranno eseguite mediante piccoli fori (diametro 10 – 25 mm) per agevolare il veloce inserimento di cannule metalliche a perdere per l’immissione della resina espandente. La maglia dei fori potrà essere indirizzata, sia in modo omogeneo che mirato, in funzione delle prescrizioni di progetto e dei risultati perseguiti, tenendo conto delle condizioni ambientali ed operative del sito.

Secondo la modalità di applicazione più rigorosa del metodo, precedentemente alle iniezioni, si potranno eseguire delle indagini strumentali in sito, finalizzate alla determinazione puntuale dei valori di PCN (Pavement Classification Number), ACN (Aircraft Classification Number) e della vita residua dell’opera, mediante:

  • Rilievo della stratigrafia della sezione d’intervento mediante Ground Penetrating Radar (GPR);
  • Carotaggi;
  • Prove deflettometriche con Heavy Weight Deflectometer (HWD);
  • Tomografia della resistività elettrica per la ricerca di vuoti e infiltrazioni di fluidi sotto alle pavimentazioni aeroportuali.

In base agli esiti ottenuti, si potrà dimensionare la mappa d’intervento con adeguata precisione; inoltre, dalla ripetizione intermedia e/o finale delle stesse prove sarà possibile verificare l’ottenimento dei risultati perseguiti e la conformità alla regola dell’arte e alle prescrizioni di progetto.

La resina GEOSEC®, utilizzata per questo procedimento, è una resina poliuretanica ad espansione molto rapida, le cui caratteristiche fisiche e prestazionali possono essere adattate in funzione dell’obiettivo finale.

Video

GEOSEC

Referenze

Schema d’intervento SOIL STABILIZATION™

Il procedimento comporta le seguenti fasi operative ordinarie e/o opzionali a precisa richiesta del Cliente:

Fase di Rilievo

  • Rilievo delle zone cedute e mappatura delle fessurazioni alle pavimentazioni aeroportuali;
  • Rilievo documentale della sezione di fondazione ceduta (profondità, materiale, etc.);
  • Opzionale a richiesta: indagini di approfondimento mediante prove HWD, ERT3D, carotaggi, RADAR.

Fase di Preparazione

  • Realizzazione dei fori di iniezione secondo la maglia di progetto.

Fase di Iniezione

  • Posizionamento di misuratori laser per il controllo dei sollevamenti;
  • Iniezione della resina espandente secondo l’ordine prestabilito;
  • Controllo in tempo reale dei sollevamenti eventualmente prodotti;
  • Opzionale a richiesta: controllo dei risultati mediante campagna di prove HWD, diagnostica E.R.T.Tomografia di Resistività Elettrica.

Vantaggi Tecnici.

Il metodo di consolidamento delle pavimentazioni aeroportuali  SOIL STABILIZATION di GEOSEC® garantisce i seguenti vantaggi:

  • Non occorre il rifacimento strutturale della pavimentazione originaria, ad eccezione del caso in cui non risulti gravemente compromessa e danneggiata nella sua integrità. Nel caso le nostre squadre sono attrezzate per eseguire le iniezioni di resina nei sottofondi in alternanza con squadre di scarnificatura e successiva posa del nuovo manto di usura.
  • L’intervento risulta essere molto veloce e pulito. Le nostre squadre sono in grado di eseguire fino a 80 mq di consolidamento pavimentazione in un turno lavorativo.
  • La resina espandente impiegata nel procedimento è testata da laboratori specializzati e risulta perfettamente stabile, eco compatibile e durevole nel tempo.
  • Quando la struttura della pavimentazione lo consente, sarà possibile sollevare e ripristinare la planarità originaria delle lastre di pavimentazione cedute.
  • L’intervento consente iniezioni di resina mirate anche e sopratutto in prossimità dei giunti delle lastre di pavimentazione aeroportuale cedute in modo tale da eliminare dislivelli anche di ordine centimetrico.

F.a.q. Vuoi saperne di più? Leggi qui le domande più frequenti.

In questa sezione abbiamo raccolto domande, dubbi e curiosità più frequenti dei nostri Clienti nella speranza di poterti fornire una maggiore comprensione delle nostre metodologie e della nostra organizzazione a tutto vantaggio di una scelta chiara e consapevole. Sentiti libero e senza impegno di contattare i nostri tecnici per richiedere un incontro gratuito personalizzato, saremo lieti di poter rispondere ad ogni tua ulteriore domanda.

Quale è la vostra produzione giornaliera di consolidamento del sottofondo di una pavimentazione aeroportuale?

Generalmente un nostro team d’intervento può eseguire in condizioni standard da 80 a 100 m2 di consolidamento di sottofondo per turno di lavoro. Differenti tempistiche possono essere definite per particolari lavorazioni e/o attività secondo le esigenze della Committenza.

Come è organizzata la cantieristica di un vostro intervento?

Le nostre squadre sono opportunamente formate e addestrate per eseguire interventi presso aree aeroportuali. Generalmente ogni nostro team accede alle aree di lavoro secondo un programma autorizzato e condiviso. L’allestimento del cantiere comporta per ogni turno di produzione la delimitazione dell’area di lavoro e il posizionamento del nostro mezzo di iniezione, al termine lo smobilizzo totale. In questo modo l’area consolidata viene immediatamente rimessa all’uso della struttura. La flessibilità della nostra organizzazione consente interventi di manutenzione programmati e veloci con il minimo disagio per i gestori.

Quali sono gli effetti immediati del vostro consolidamento?

  • Compattazione del sottofondo e incremento della sua portanza ai valori richiesti.
  • Se la struttura lo consente: messa a livello immediata delle aree cedute.

Quale è la procedura operativa del metodo?

A seconda delle esigenze del Cliente possiamo fornire supporto tecnico progettuale, diagnostico strumentale di rilievo, esecuzione dell’opera di consolidamento. Nel metodo SOIL STABILIZATION per pavimentazioni aeroportuali preferiamo intervenire con l’integrazione e il supporto di indagini preliminari, in corso d’opera e al termine del nostro intervento. Per maggiori informazioni puoi consultare il sito dedicato: PAVIMENTAZIONI AEROPORTUALI.

SEI UN TECNICO?

Crepe nei Muri e Cedimenti? Contatta il tecnico GEOSEC®